GP Barcellona: Fernando domina, Kimi non molla ma le gomme Pirelli si

ImmagineUn Gran Premio di Barcellona all’insegna del dominio Ferrari quello dell’ultimo week-end, con un Alonso su un altro pianeta che fin dalla prima chicane del circuito ci ha regalato una manovra di sorpasso magistrale. Il ferrarista ha conquistato la vittoria con una relativa facilità e disinvoltura, ma anche il suo compagno Massa non delude piazzandosi sul terzo gradino del podio (era partito 9° a causa di una penalità per sostituzione di parti meccaniche dopo la qualifica). Tra le due rosse si è piazzata la Lotus di Kimi Raikkonen, che di tutti sembra essere il pilota più gentile con gli pneumatici, riuscendo a fare una sosta in meno degli altri, anche se questo non gli è servito per recuperare il gap con Alonso. I tre contendenti per il titolo iridato sono quindi Fernando Alonso, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, giunto 4° con quasi 40 secondi di ritardo dalla testa: il dominio Red Bull pare superato, anche se le trovate di Newey di solito escono dal suo cilindro proprio dopo periodi grigi della scuderia. E che fine hanno fatto le due Mercedes che sabato hanno segnato un record di pole positions consecutive che non si verificava dal lontanissimo ’55? Rosberg, col suo 6° posto a 1  minuto e 8 secondi di ritardo, ha limitato i danni di una macchina troppo distruttiva sugli pneumatici, mentre il compagno di squadra Hamilton col suo misero 12° posto e relativo doppiaggio deve un attimo fare una pausa di riflessione per capire cosa non va: fare anche peggio delle due McLaren, 8^ (Button) e 9^ (Perez), deve avergli sicuramente creato non pochi rimorsi.

Ma un capitolo va sicuramente dedicato alle gomme Pirelli, che in questa gara hanno rivelato come siano delicate e dispettose scoppiando quando non devono: l’anima di metallo inserita all’interno degli pneumatici non sembra aver migliorato le condizioni di sicurezza delle gare, perchè tolto un problema se ne sono presentati altri. Il problema che balza all’occhio è sicuramente l’altissimo numero di pit-stop a cui si è arrivati per fronteggiare l’elevatissimo degrado di queste mescole, scelte proprio per aumentare la spettacolarità delle gare. Una spettacolarità che però porta con se l’elevato stress a cui vengono sottoposti i meccanici, che nelle scuderie meno preparate possono incappare in errori molto pericolosi, come bulloni avvitati male e problemi di gestione degli ingressi e uscite dai box: anche in questa gara abbiamo visto pneumatici rotolare e rimbalzare pericolosamente per strada e un Hulkemberg che in uscita dal pit-stop rischia di fare l’autoscontro in corsia box. Dal punto di vista della sicurezza è anche apparso come queste mescole troppo molli si “rilassino” eccessivamente e cedano senza preavviso lasciando scoperta l’anima di metallo: Alonso ha dovuto anticipare l’ultimo pit-stop di un paio di giri a causa del battistrada che iniziava a sbrindellarsi come marmellata, e a fine gara abbiamo potuto vedere lo stato pietoso degli pneumatici della sua monoposto. Speriamo che in casa Pirelli si faccia esperienza di questi episodi e si possano avere degli pneumatici più sicuri, in modo da non accrescere troppo il fattore fortuna nei risultati di gara (se Fernando fosse stato meno fortunato a quest’ora parleremmo di tutt’altro risultato).

Tra due settimane arriva uno dei grandi classici di Formula 1, il circuito più bello dal punto di vista tecnico ma anche il più anomalo: Montecarlo. Essenziale in questo circuito sarà qualificarsi avanti, perchè tra le viuzze di Monaco è (quasi) impossibile superare. Altra incognita sarà sicuramente il meteo: la primavera piovosa che stiamo vivendo potrebbe regalarci anche uno spettacolare Gp nel Principato…

Rob

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...