Otello, vediamoci chiaro

Dopo tanta pubblicità, rimbocchiamoci le mani e cerchiamo di vederci chiaro:

Otello, non di Shakespeare ma di Verdi… e ci tengo a sottolinearlo, perché i dialoghi, poco fedeli all’originale, risalgono all’età verdiana, se per caso qualcuno nella sua “oblianza” volesse ricordarlo.

Immagine

Tutto il contorno che ci gira intorno è perfetto, il teatro splendido che riesce ad accogliere la scenografia senza problemi, una pedana enorme girevole, un coro di adulti e un coro di voci bianchi, costumi fedelissimi all’opera.

Ma allora cosa c’è che manca a quest’opera? Il pubblico non è rimasto molto soddisfatto, forse perché ormai abituato a vedere Musical giovanili e balletti seminudi? No, non c’è nulla di imperfetto, è solo che l’opera di Verdi non è tra le più conosciute, non ha un’aria famosa che ti resta impressa e il tema della gelosia è quello che più temiamo.

Percui anche se perplessi, occorre vederlo per abituare l’orecchio e godere di alcune trovate sceniche veramente geniali, come il fuoco che improvvisamente appare da una botola o il grande e immenso velo che come una spada di Damocle fluttua tra le teste dei protagonisti, che ci ricorda il fazzoletto del tranello che Jago tende al suo caro amico Otello.

massimiliano vermi

Dramma lirico in quattro atti. Musica di Giuseppe Verdi. Libretto di Arrigo Boito, da William Shakespeare.

teatro Arcimboldi Viale dell’Innovazione, 20 Milano

One Reply to “Otello, vediamoci chiaro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...