Nuvole barocche al teatro Filodrammatici

Nuvole Barocche della Carrozzeria Orfeo è innanzitutto la storia di un’amicizia che viene messa al bando dal disperato bisogno di un riscatto, uno spettacolo ben costruito che ha avuto il tempo di maturare nel corso degli anni e trovare una sua precisa dimensione.

Immagine
In scena viene rappresentato il dramma di tre uomini che non sono più in grado di mettersi d’accordo per trovare una soluzione, racconta il degrado che sconvolge le loro storie e quasi li condanna a trasformarsi criminali. All’interno di uno scantinato si concretizza questa metamorfosi, è il luogo che aveva ospitato le avventure adolescenziali dei tre protagonisti, gli sconforti superati, e le simpatiche delusioni della loro gioventù, adesso è diventato il posto della disgregazione, dei rimorsi, delle speranze che non sono abili a concretizzare. L’unica via d’uscita per i tre sembra essere il riscatto che chiederanno per il sequestro di un bambino, convinti che una volta ottenuto potranno sistemare le loro vite e chiudere per sempre con un mondo, quello dell’illegalità, di cui fondamentalmente non si sentono far parte.
La crisi della socialità, prima che sociale, che avviene proprio quando una comunità è incapace di avere la stessa direzione di sguardo, stupenda metafora in questo senso è la scena del furto della cassetta, che Nico non riesce a vedere come il tavolino che per Beppe e Pier è tanto nitido.
Nico forse è il personaggio più disperato, è il vero rifugiato a causa degli strozzini, si dimentica del suo compleanno, è ormai senza speranza, e non nutre molta fiducia nei sentimenti suoi e dei compagni.
Quello che succede all’esterno di questo nascondiglio/prigione innesca un curioso gioco di riflessi, il quartiere milanese che diventa sempre più pericoloso e sembra non vedere una via d’uscita e la notizia di cronaca, quella del rapimento di De Andrè/ Ghezzi che diventa lo spunto per pianificare il loro misfatto.
Il finale è sospeso, pieno di dramma per quel “ti voglio bene” che comunque non ritesse il legame ormai spezzato, definendo la disfatta della solidarietà tra i tre, ma sembra lasciare comunque uno spazio alla speranza, d’altronde De Andrè venne liberato.
Di Luca, Setti e Stano sono interpreti consapevoli dei loro punti di forza, meravigliosa sinergia, un’integrazione perfetta tra i diversi codici teatrali, un caso sempre più raro a teatro. Fiore all’occhiello è la cura dei movimenti, con gesti intuitivi che ci permettono persino di spaziare nel tempo.
La drammaturgia è un’ analisi interessante di come la criminalità, o forse meglio l’egoismo possa quasi essere un’ossessione, una peste, quella mania che ci rende sequestrati.
Un giusto plauso va fatto a Luisa Supino per i costumi azzeccati, non solo in sintonia con il periodo ma in grado di caratterizzare i personaggi non impacciandoli nei loro movimenti, e le luci di Diego Sacchi sono adeguate a restituirci l’animo dei tre e le atmosfere entro cui si muovono.
Una bella proposta del Teatro Filodrammatici, che ancora una volta si distingue per la ricerca di drammaturgie contemporanee e attualissime senza rinunciare alla qualità.

Massimo Finistrella

08/18 maggio 2014 – NUVOLE BAROCCHE – con il patrocinio della Fondazione Fabrizio De André
drammaturgia e regia – Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Luca Stano – collaborazione alla regia Alessandro Tedeschi – con Fabrizia Boffelli, Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Luca Stano – disegno luci Diego Sacchi – collaborazione alla produzione Centro RAT – Teatro dell’Acquario co-produzione Carrozzeria Orfeo e Questa Nave

INFO E PRENOTAZIONI Tel. 02.36.72.75.50
http://www.teatrofilodrammatici.eu

One Reply to “Nuvole barocche al teatro Filodrammatici”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...