Hayez alle Gallerie d’Italia

È ancora in corso per altri due mesi alle Gallerie d’Italia la mostra su F. Hayez. Per chi volesse dedicare un paio d’ore, non saranno sprecate, perché è dal 1983 che non si ripete un evento del genere: più di 120 opere d’arte provenienti da istituzioni museali italiane e da collezioni private, tutte insieme in un contesto unico.

hayez 1
Ci sarebbe tanto da dire, sulla sua vita e su come ha saputo dare un contributo a un secolo come l’800, ma passando tra un’opera e l’altra i nostri occhi non possono che ammirare quei colori, quelle figure che tanto ci prendono fino a dimenticarci che si tratta di un solo artista, ma così poliedrico e unico: Neoclassicismo, Romanticismo e perfino Naturalismo.
La mostra abbastanza regolare, segue l’excursus storico dell’autore, intercalando tra le opere i suoi autoritratti, e in più alcune lunette andate perse nel tempo, ora restaurate e posizionate nella seconda sezione.

hayez 2
Mitologia, storia e religione, e la dolcissima Giulietta, alla quale dedica L’ultimo bacio di Romeo. Inizialmente accolta con scandalo dai suoi contemporanei. Mentre la sensuale Maddalena fu considerata meno scandalose, ispirate a Canova.

hayez 3
E così via attraverso altri dipinti, alcuni veramente maestosi e ricchi di storia, altri biblici ma seduttori, vedi Ruth o Sansone, fino ad arrivare al culmine di ciò che resterà nella storia: Il bacio.
Tutti abbiamo sempre creduto che ce ne fosse uno, invece esposti ne troviamo 3. Tutti e tre sono pieni di enfasi e ricchi di coinvolgimento; dai colori si intuisce che il riferimento alla Francia di quel periodo non è un caso, anzi è un inno alla lotta di liberazione.

hayez il bacio
Finito il giro, ci accorgiamo che le Gallerie d’Italia non finiscono in quelle sale, ma che altre sale si prestano a un’attenta visita, che presto faremo.

MaxVermi

I baci di Hayez alle Gallerie d’Italia di Milano
Le Gallerie d’Italia a Milano ospitano dal 7 novembre al 21 febbraio oltre 100 dipinti di Francesco Hayez, provenienti dalle più importanti istituzioni museali italiane, come la Pinacoteca di Brera, le Gallerie d’Arte Moderna di Milano, Firenze e Torino, le Gallerie dell’Accademia di Venezia, e da collezioni private.
Dopo la mostra tenutasi nel 1983 a Brera, questa esposizione si presenta come una delle più grandi retrospettive mai dedicate all’artista. Il percorso si articola in dieci sezioni che seguono un racconto cronologico, a cui si intervallano diversi approfondimenti tematici; si parte dagli anni della formazione che vedono Hayez studente prima a Venezia e successivamente a Roma, dove lavorò sotto la guida e la protezione di Antonio Canova e dove venne influenzato dall’arte antica e rinascimentale, specialmente da Raffaello.
La mostra ripercorrere l’intera carriera e sottolinea il ruolo di protagonista indiscusso del passaggio dall’arte neoclassica a quella romantica. Saranno esposte 120 opere come i celebri ritratti di Manzoni e la Principessa Belgioioso, ma la star indiscussa sarà la tela dedicata al Bacio: anzi le tre versioni del famoso soggetto, per la prima volta, esposte insieme, una delle quali esposta anche all’Esposizione Universale di Parigi del 1867, opera simbolo del Risorgimento italiano che decretò la fama internazionale dell’artista.
Gallerie d’Italia – Piazza Scala – Piazza della Scala, 6 – 20121 Milano
Orari
Da martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso 18.30)
Giovedì dalle 9.30 alle 22.30 (ultimo ingresso 21.30)
Lunedì chiuso
Apertura regolare nei giorni 26 dicembre 2015 e 6 gennaio 2016. Chiuso nei giorni 24, 25 e 31 dicembre 2015 e 1 gennaio 2016
Ingresso (durante l’apertura della mostra Hayez, fino al 21/2/2016)
Intero: € 10,00 – Ridotto: € 8,00 – Ridotto speciale: € 5,00
Acquista online i biglietti per la mostra
Il giorno 10/1/2016 è previsto un ingresso gratuito eccezionale; è possibile accreditarsi in modo da avere un accesso preferenziale al momento dell’ingresso scrivendo a hayez@civita.it.
Per tutta la durata della mostra Hayez, i visitatori della Pinacoteca di Brera che esibiscono il biglietto hanno diritto al biglietto ridotto speciale.
Ingresso gratuito ogni prima domenica del mese.
Audio e videoguida gratuita a disposizione dei visitatori.
Informazioni numero verde 800.167619 – info@gallerieditalia.com
Direzione – Michele Coppola
Responsabile Beni archeologici e storico-artistici Intesa Sanpaolo
Coordinamento Gallerie di Piazza Scala – Giovanni Morale giovanni.morale@intesasanpaolo.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...