Nudi e Crudi al Teatro Manzoni

“Nudi e crudi”, uno dei testi più spassosi e irriverenti di Alan Bennett, il corrosivo autore inglese famoso per “La cerimonia del massaggio” e il ciclo di racconti “Una patatina nello zucchero”, è approdato giovedì al Teatro Manzoni, nella versione teatrale scritta da Edoardo Erba e diretta da Serena Sinigaglia, con due tra i più strepitosi attori comici del panorama italiano nei panni della rigida coppia borghese di mezza età, così incrollabilmente british, protagonista della pièce, che una sera, di ritorno dall’opera, trova il proprio opulento appartamento sito al piano alto di un palazzo edoardiano della City  totalmente svaligiato da una misteriosa quanto meticolosa banda di ladri, che è riuscita a far sparire tutto, ma proprio tutto quello che c’era nell’abitazione: dai lampadari all’arredamento, dalle pellicce della signora al preziosissimo impianto stereo del marito, dal forno (incluso l’arrosto che vi era dentro) alla carta igienica.
nudi-e-crudi1
Paolo Calabresi è il granitico Mr. Ransome, algido legale londinese, melomane snob e conservatore con una passione viscerale per Mozart, costretto a vedere il proprio incrollabile aplomb inglese sgretolarsi irrimediabilmente di fronte al dramma che gli ha sottratto la sua routine monotona e rassicurante; Maria Amelia Monti, perfettamente a suo agio nel ruolo che è le congeniale della mogliettina svanita e naif, è un’adorabile Mrs. Ransome, che dopo lo smarrimento iniziale finisce con l’accogliere come una liberazione la scomparsa di quella massa soffocante di orpelli che usava chiamare “le nostre cose”, considerati indispensabili per una vita agiata ma che avevano finito per condannare lei e il marito  a un’ esistenza ipocrita fatta di apparenza, incomunicabilità e sottaciuta frustrazione sessuale.
La coppia si mette sulle tracce dei propri preziosi averi, così misteriosamente spariti nel nulla, e, mentre Mr. Ransome si innervosisce sempre di più fino a fare del furto subito una sorta di malattia, Mrs. Ransome subisce un’evoluzione: da divertita, ad eccitata, a consapevole fino a ritrovare un’insospettabile vena nazionalpopolare e un rinnovato contatto con le proprie emozioni troppo a lungo dimenticate.
Un testo dissacrante e grottesco, che sferza senza pietà i cliché così adorabilmente inglesi tanto cari a Bennett, viene reso dalla premiata coppia Calabresi-Monti con tempi comici perfetti e un ritmo serrato, solo saltuariamente opacizzato dalla loro “spalla”, il giovanissimo Nicola Sorrenti, agile saltimbanco nel molteplice ruolo di voce narrante, volgare assicuratore, poliziotto incapace, psicologa in tacchi alti, sgangherato rapinatore, caratterizzato però da una recitazione a tratti scolastica, talmente affettata e sopra le righe da scadere spesso in una macchietta stucchevolmente autocompiaciuta.
Nel complesso una commedia godibile e spumeggiante, ben interpretata da due nomi commercialmente molto validi (ma a ragione) del nostro panorama teatrale e televisivo, capace di intrattenere il pubblico con leggerezza e acume per due ore di grasse risate.

Leonardo Cesari

DAL 24 NOVEMBRE 2016 AL 11 DICEMBRE 2016

NUDI E CRUDI

MARIA AMELIA MONTI – PAOLO CALABRESI

UNA STORIA DI ALAN BENNETT
TRADOTTA E ADATTATA PER LA SCENA DA EDOARDO ERBA
CON NICOLA SORRENTI
REGIA DI SERENA SINIGAGLIA

Cosa  succederebbe  se una sera tornando  a  casa trovaste il vostro appartamento  svaligiato da ladri che non hanno lasciato traccia  neppure di  un interruttore?  É quello che capita ai signori Ransome,  e sconvolge la loro vita tranquilla e ripetitiva. Diversa la reazione dei due: lui  si arrabbia sempre  più,  lei  prova quasi un senso di liberazione. Intanto, in un gioco  di caratteri sempre  più esilarante, il mistero del furto trova un’imprevista soluzione. Dal romanzo  di  successo  del genio comico  Alan Bennett, Nudi e crudi, commedia  spumeggiante,  piena  di umorismo e ironia, sa fare un ritratto impietoso della vita di una coppia inglese di mezza età. Magistralmente scritta  per  il  teatro  da Edoardo  Erba, superbamente  interpretata da Maria  Amelia Monti  e Paolo  Calabresi  con  Nicola  Sorrenti, e diretta con estro da  Serena Sinigaglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...